News

Le pagelle di Inter-Fiorentina 4-2

foto

 Diamo i voti ai protagonisti del match del Meazza: il migliore in campo è Icardi, ma anche Candreva, Banega e Perisic sono determinanti. Gonzalo dannoso, Tello fantasma. Si salvano Ilicic e Kalinic nella Viola.

 

=== Inter ===

Samir HANDANOVIC 5,5 – Compie diversi interventi e presta attenzione ai tiri dalla distanza. Viene ingannato, però, dalla conclusione di Ilicic che lo spiazza: errore non da lui.

 

 

Danilo D’AMBROSIO 6,5 – Disinnesca Tello perfino nei duelli in velocità. Primo tempo a buoni livelli, poi cala insieme a tutti i suoi compagni.

 

 

 

Andrea RANOCCHIA 6 – Il duello con Kalinic è tosto ma corretto. Non demerita, anche se non riesce a stringere sul 3-1 per aiutare Candreva.

 

 

MIRANDA 5,5 – Conferma le difficoltà del momento che sta vivendo. Rischia di causare un rigore su Gonzalo ma viene perdonato da Damato. Sul 3-2 è in ritardo e, in generale, mostra una progressiva perdita di lucidità. La nota positiva è il salvataggio sulla linea che evita un gol certo di Kalinic a porta vuota, ma non può bastare.

Cristian ANSALDI 6,5 – Il vero Ansaldi. La miglior partita del terzino da quando veste la maglia dell’Inter. I primi due gol nascono dalle sue iniziative sulla sinistra. Pimpante.

Marcelo BROZOVIC 6,5 – Segna il gol che spiana la strada all’Inter. I suoi inserimenti sono pericolosi, ogni tanto si distrae ma questo fa parte del repertorio. In crescita.

Geoffrey KONDOGBIA 5,5 – Ciondolante, si limita al compitino. Sostituito per scelta tecnica all’intervallo, incassa un’altra parziale bocciatura anche da parte di Pioli (dal 46’ JOAO MARIO 5 – Lezioso. Si divora un gol pazzesco, poteva costare caro. Deve recuperare la forma migliore).

Antonio CANDREVA 7 – Una freccia sulla destra. Segna un gol da opportunista, dà sempre fastidio a Tatarusanu. Sul gol subito, viene superato da Kalinic ma nessuno lo aiuta e chiedergli di fare sempre tutta la fascia è esagerato. Da quando è arrivato Pioli, si accentra e trova la via della rete (dal 79’ EDER s.v.).

Ever BANEGA 6,5 – In una squadra che gioca palla a terra e ha spazio dà il meglio di sé. Abile nel fraseggio, esce dopo aver dato tutto (dal 69’ FELIPE MELO 6 – Entra per serrare le fila nel finale. Ci mette il fisico).

Ivan PERISIC 7 – Propizia due gol con le conclusioni respinte da Tatarusanu. Sforna un assist perfetto a Joao Mario e colpisce un palo. Dura chiedergli di più.

Mauro ICARDI 7 - Segna un gol di pregevole fattura e chiude la gara per la doppietta che gli consente di raggiungere Dzeko in testa alla classifica marcatori. Terminale offensivo di una squadra che produce molto, sempre nel vivo del gioco a differenza di altre volte.

All. Stefano PIOLI 6,5 – Primi venti minuti da manuale, poi le solite amnesie. Come in Israele bisogna registrare la fase difensiva, a partire dal centrocampo. L’Inter non ha ancora imparato a gestire le partite.

 

 

 

  === Fiorentina ===

Ciprian TATARUSANU 5 – Colpevole sul gol del 2-0 quando lascia il pallone nella disponibilità di Candreva. Anche sulla quarta rete non è esente da colpe. Serata no.

Carlos SALCEDO 5 – I primi gol degli avversari nascono dalla sua parte. Perde il confronto con Ansaldi e fa un regalo a Perisic. Il croato non lo sfrutta.

GONZALO RODRIGUEZ 4,5 - Il rosso subito è eccessivo, ma il suo primo tempo è da incubo. Regolarmente saltato, viene sbeffeggiato dal dribbling di Icardi che lo manda a vuoto in area in occasione del 3-0.

 

 

Davide ASTORI 5,5 – La prima parte della gara è complicata in marcatura su Icardi e soprattutto su Candreva, cliente scomodo. Cerca di riscattarsi nella ripresa, ma è tardi.

Cristian TELLO 4,5 – Non scala sul gol dell’1-0. D’Ambrosio lo annulla, quando cambia fascia anche Ansaldi fa lo stesso. Bocciato (dal 75’ Joshua PEREZ s.v.).

Milan BADELJ 6 – Verticalizza e lancia Kalinic per l’1-3. Le sue geometrie non mancano.

BORJA VALERO 5,5 – Salta Miranda in avvio, ma non riesce a essere concreto. Gli resta il colpo in canna, nervoso.

Hrvoje MILIC 5 – Impreciso. Quando esce a Fiorentina diventa più solida ed equilibrata pur giocando in 10 (dal 46’ Nenad TOMOVIC 6 – Al centro della difesa fa quel che può).

Josip ILICIC 6,5 – Ispirato, cerca il gol in tutti i modi e alla fine riesce a superare Handanovic. Una conferma dopo Empoli. È tornato.

Federico BERNARDESCHI 6 – Nelle combinazioni con Ilicic e Kalinic si trova a meraviglia. Questa volta, però, lascia a loro il tabellino dei marcatori (dal 65’ Federico CHIESA 6 – Ingresso volitivo, subisce un fallo non fischiato che sul ribaltamento di fronte diventa il gol del 4-2 di Icardi. Sfortunato).

Nikola KALINIC 6,5 – A San Siro si esalta. Segna il gol dell’1-3 e non molla mai. In tutti i duelli aerei si batte come un leone. Leader silenzioso.

All. PAULO SOUSA 5 – In avvio sembra che la Fiorentina giochi contro di lui o che voglia farsi esonerare… Poi c’è la reazione e le proteste contro l’arbitro. Ma non si può partire sotto 0-3 in un batter d’occhio.

 

 

 

 

http://it.eurosport.com/


« TORNA

Banega Ever

Banega Ever
  • Squadra Attuale: Sevilla
  • Data di nasc.: 29/06/1988
  • Nazionalità: Argentino
  • Centrale o Centrocampista

 
borde
Compartir: Compartir en Facebook Compartir en Twitter Compartir en Linkedin
Seguinos en: Seguinos en Twitter Seguinos en Youtube Seguinos en Facebook Compartir en Linkedin Google+ Follow Me on Pinterest