News

Ce la giochiamo al BARBERA

foto

L'olandese ha fissato la gara sul 2-2, dopo il gol di Ibra e il temporaneo vantaggio rosanero con Pastore ed Hernandez. Ottimo risultato per i siciliani in vista del ritorno.

Una partita vivacissima quella giocata a San Siro tra Milan e Palermo, decisa da alcuni errori difensivi sia da entrambe le parti (Papastathopoulos e Cassani non prenderanno sonno facilmente stasera). Ibra torna al goal, Emanuelson raddrizza il risultato che grazie ad un super Hernandez e un Pastore in grande spolvero avrebbe potuto essere ben più penalizzante per il Milan.  

 

FORMAZIONI – Il Milan riabbraccia Pirlo e lo “squalificato” Ibrahimovic, rivoluzione nel reparto difensivo con Amelia tra i pali, Oddo, Thiago Silva, Papastathopoulos,Antonini. In avanti con Ibra, Cassano.  Nel Palermo Miccoli a sorpresa in panchina, Pastore, Hernandez e Pinilla il trio d’attacco.  

 

PARTITA – Fischio d’inizio e l Milan impone immediatamente un ritmo forsennato al match e passa in vantaggio al 4’ quando Oddo crossa perfettamente per Ibrahimovic che di piattone batte Sirigu il quale dovrebbe recriminare un po’ con i suoi compagni di reparto soprattutto con Cassani reo di aver lasciato lo svedese libero di muoversi in area. Pinilla prova una timida reazione, ma Amelia controlla senza affanni.  Primi minuti di gioco all’insegna di Ibrahimovic che s’intende a meraviglia con Cassano negli spazi stretti. Ed è un altro errore difensivo, stavolta dei rossoneri, a far cambiare ancora il risultato: triangolo facilissimo tra Pinilla e Pastore con il primo che con un filtrante serve l’argentino che si lascia alle spalle Papastathopoulos che sbaglia la diagonale e batte Amelia con il sinistro. Milan sempre arrembante con tutti i suoi uomini d’attacco negli ultimi 20 metri e sulle fasce soprattutto a sinistra costringendo Cassani agli straordinari. E sempre Cassani avrebbe potuto tingere di tinte più fosche la sua serata con una spintarella che rifila ad Antonini al 23’ che cade in area, ma il direttore di gara De Marco lascia correre. Ibra ha un eccesso di altruismo e da posizione favorevolissima invece di tirare, serve l’accorrente Boateng che perde il tempo e fa sfumare l’occasione per realizzare il raddoppio milanista. Il Palermo non sta certo a guardare e cerca di contenere gli attacchi cerca l’affondo prima con Hernandez, ma il tiro è molto centrale e Amelia non fa fatica a parare, poi con un doppio tentativo di Pinilla lanciato in entrambe le azioni da Nocerino. Ma l’occasione più ghiotta capita sui piedi di Pastore al 39’ quando lascia partire un destro violento, Amelia molto reattivo respinge in angolo. Il Milan rallenta il ritmo del gioco e lascia che il Palermo lo sorpassi nel possesso palla. Il primo tempo si conclude con un bell’intervento di Sirigu su Ibrahimovic ancora una volta lanciato da Oddo.

Ilicic al posto di Pinilla è l’unica novità al rientro in campo. Il Milan riparte con lo stesso forcing del primo tempo, ma è il Palermo che dopo sette minuti passa in vantaggio con un fantastico goal di Hernandez: passaggio filtrante di Pastore che serve Hernandez sulla sinistra in posizione molto decentrata, il numero 9 di Delio Rossi prova il tiro ad effetto che si va ad insaccare alle spalle di Amelia proprio sotto la traversa. Milan molto macchinoso nella manovra, non riesce più ad accelerare. Da parte sua il Palermo non concede spazi ai singoli con il timore di qualche giocata risolutiva. Cassano lascia il posto a Robinho e in precedenza Seedorf lo aveva lasciato ad Emanuelson. I rossoneri però non mollano dopo aver abbassato un po’ troppo presto la guardia. Al 76’ il goal del pareggio proprio con Emanuelson di sinistro molto centrale, ma anche molto forte. Ancora una volta la difesa rosanero ha qualcosa su cui auto-recriminare. Intervento straordinario di Amelia che salva su Pastore che aveva approfittato di una clamorosa distrazione di Antonini e Papastathopoulos. Milan che invoca il rigore su Ibra al 78’, ma De Marco con fermezza fa proseguire facendo scoppiare l’ira della parte di San Siro milanista. Amelia ancora super su Pastore. Entra Miccoli al posto dell’argentino. Nonostante i tre minuti di recupero, si è giocato fino al fischio finale come se si fosse ad inizio partita con un ritmo altissimo.     

 

CHIAVE – Due macro errori difensivi, il primo di Cassani e il secondo di Papastathopoulos, portano ad un pareggio che fa sorridere di più i ragazzi di Delio Rossi

 

CHICCA – Ibra deve cambiarsi in campo la maglia durante il primo tempo a causa di un grandissimo strappo sulla schiena provocato da una trattenuta da parte di un avversario. 

 

TATTICA – 4-3-1-2 speculare per le due formazioni, Boateng trequartista per i rossoneri. Milan che spinge soprattutto sulla fascia sinistra. Palermo molto corto nel secondo tempo che prende palla e riparte in velocità. 

 

MOVIOLA – 16’ fuorigioco dubbio di Ibra, bravo invece Cariolato nella seguente segnalazione sempre su fuorigioco di Ibra, leggera spinta di Cassani su Antonini che però non fa dubitare De Marco sull’assegnare o meno il rigore. Attentissimi i collaboratori del direttore di gara che non sbagliano un colpo nel secondo tempo. De Marco fischiatissimo per non aver assegnato un rigore ad Ibrahimovic atterrato in area a fine partita.

 

PROMOSSI&BOCCIATI – Amelia (voto 7) due interventi salva risultato che gli valgono al palma di migliore in campo. Chiamato agli straordinari più per negligenza dei suoi compagni di reparto che per la frenetica attività degli attaccanti rosanero. Papastathopoulos (voto 4.5) clamorose lacune difensive per tutta la partita, una delle quali porta al goal del pareggio. E’ evidentissimo che paga l’inattività. Hernandez (voto 7) costante spina nel fianco della difesa rossonero, segna un goal difficilissimo e pesantissimo ai fini della qualificazione. Cassani (voto 5) sulle sue spalle pesa il goal di Ibra dopo 4 minuti di gioco e una serie di buchi difensivi che gli valgono una serie di urlacci da parte di Delio Rossi per tutta la partita.

 

Goal.com


« TORNA

Pastore Javier

Pastore Javier
  • Squadra Attuale: Paris Saint-Germain
  • Data di nasc.: 20/06/1989
  • Naz.: Argentino / Italiano
  • Fantasista

 
borde
Compartir: Compartir en Facebook Compartir en Twitter Compartir en Linkedin
Seguinos en: Seguinos en Twitter Seguinos en Youtube Seguinos en Facebook Compartir en Linkedin Google+ Follow Me on Pinterest